PlaYOURope vi racconta la storia di Brain Back Umbria, un progetto che nasce in Umbria, ma che ha ripercussioni davvero in tutto il mondo.

Il difficile inserimento dei giovani nel mercato del lavoro gioca un ruolo fondamentale sulla scelta, da parte soprattutto dei neo laureati, di oltrepassare i confini nazionali per trovare un lavoro che rispecchi la preparazione acquisita e le aspettative. Per contrastare il cosiddetto "brain drain", l'Agenzia Umbria Ricerche, ente strumentale della Regione Umbria, ha promosso il progetto a carattere sperimentale ed innovativo denominato "Brain Back".
L’idea è quella di garantire un sostegno alla nascita ed alla crescita di reti permanenti fra emigrati umbri e mondo produttivo, culturale ed istituzionale in grado di facilitare lo scambio di esperienze e possibili collaborazioni all’estero. 
Ce ne ha parlato nello specifico la Dott.ssa Anna Ascani, responsabile del servizio Affari europei e Relazioni Internazionali della Regione Umbria.