Il difficile inserimento dei giovani nel mercato del lavoro gioca un ruolo fondamentale sulla scelta, da parte soprattutto dei neo laureati, di oltrepassare i confini nazionali per trovare un lavoro che rispecchi la preparazione acquisita e le aspettative. Per contrastare il cosiddetto "brain drain", l'Agenzia Umbria Ricerche, ente strumentale della Regione Umbria, intende promuovere il progetto a carattere sperimentale ed innovativo denominato "Brain Back". Ce ne ha parlato nello specifico la Dott.ssa Anna Ascani, Responsabile Servizio Affari Europei e Relazioni Internazionali della Regione Umbria.